castello

castello
Castelli di Cannero Riviera

mercoledì 15 ottobre 2014

Novembre




Aria pungente ricca di umidità
con leggerezza sfiora la mia pelle
mentre sbocciano camelie d'autunno
la mia passione.
 
Cadono le foglie dai neri alberi
aleggiando come vispe farfalle
e posan leggere su nuda terra
la loro tomba.
 
Nel silenzio della fredda campagna
si posa sul ramo un fringuello, mentre
sale l'odore di foglie bagnate
spoglio Novembre.
 
(da Elegie campestri - I mesi dell'anno - in strofe saffiche non rimate)
di verdefronda

3 commenti:

  1. Le camelie che illuminano l'anima...eleganti versi per l'incidere lieve dell'Autunno.
    Complimenti anche per questo tuo bellissimo spazio di poesia ed immagini.
    Vorrei riprendere anch'io a postare qui....speriamo bene.
    Un abbraccio e buone giornate!

    RispondiElimina
  2. Grazie Giovanna, riprendi a scivere anche qui, verrò a trovarti
    Giorgio

    RispondiElimina
  3. Carissimo Giorgio, bella, autunnale e simpatica questa poesia.
    La tua visita mi ha fatto molto piacere, così pure l'amichevole commento.
    Congratulazioni giovane bisnonno!! Puoi esserne fiero! Quando è nato l'ultimo pronipotino?.
    I miei nipoti, come sai sono otto, ma per il momento ancora nessuno mi ha fatto il dono di diventare bisnonna. Giorgio, ahahah io ho il coraggio di esporre le mie foto recenti, ma tu no èh! ahah!!!!!!
    Spero che questo commento venga pubblicato perchè quello che ho scritto ieri non è stato accettato chissà perchè?
    Ricambio il tuo forte abbraccio augurandoti un felice fine settimana Bruna. ciaoooo

    RispondiElimina